Lorenzo Manenti, Perduto Iraq, 2009

Lorenzo Manenti, Iraq museum 2003, cm30 x30, gessetto, vernice, sabbia e catrame su fotocopia, riportata su tavola, 2007

Lorenzo Manenti, Iraq museum 2003, cm30 x30, gessetto, vernice, sabbia e catrame su fotocopia, riportata su tavola, 2007

Lorenzo Manenti, Iraq museum 2003, cm30 x30, gessetto, vernice, sabbia e catrame su fotocopia, riportata su tavola, 2007

7–21 febbraio 2009

lorenzo manenti
PERDUTO IRAQ  saccheggio in mesopotamia
a cura di luca pietro nicoletti

officina dell’arte
via martiri di belfiore 1, rho (MI)
vernissage sabato 7 febbraio ore 18
orari: da martedì a sabato dalle 16 alle 19, lunedì e festivi su prenotazione
tel. 3358378227
e-mail artoff@libero.it
videospot PERDUTO IRAQ
www.premioceleste.it/manenti.lorenzo

 

Nel 2008 Lorenzo Manenti ha ideato una installazione a parete di trentadue disegni quadrati 32×32 cm su carta riportati su tavola intitolata Iraq perduto. In ciascuno di questi, Lorenzo ha raffigurato un frammento di scultura proveniente dai depositi dell’Iraq Museum di Bagdad e trafugato durante il conflitto del 2003: le mura dei musei non sono bastate a proteggere quelle testimonianze della fertile civiltà nata fra il Tigri e l’Eufrate. Di quei pezzi, non rimane che una banca dati telematica, una fotografia e, talvolta, una sigla di riconoscimento. Per la prima volta, questo complesso era stato presentato in un piccolo spazio espositivo alternativo chiamato Piscina Comunale in zona Lambrate, a Milano, ma nella sua interezza lo si era potuto vedere soltanto, nell’ottobre 2008, in una mostra a Parigi, Guerre et “paix” a Bagdad, accostato alle ricerche del pittore amerindo Mateo Romero. Il pubblico parigino ne era rimasto molto colpito, definendolo “frappant”. E in effetti, la funzione di questa operazione pittorica era proprio quella di richiamare il fruitore ad una assunzione di responsabilità. Dietro le sembianze delle sculture tramandateci dall’archeologia, infatti, è come se fossero gli uomini di quelle antiche civiltà a risvegliarsi, come se questi volti fossero delle grandi fototessere di uomini di altri tempi, i cui occhi si fissano sul riguardante mostrando, nel frattempo, le proprie generalità (il numero di matricola). Va detto però che, insieme al dispiacere per un patrimonio culturale che si assottiglia, c’è a monte, da parte di Lorenzo, una passione per l’archeologia: già prima di essere letteralmente folgorato dal Medio Oriente, infatti, aveva dedicate delle serie di lavori alla scultura romanica e all’archeologia romana. Rabbia per la devastazione, dunque, ma anche affetto (ma non gusto antiquario) verso l’antico. Bisogna anche sottolineare che, al di là dell’operazione concettuale, il suo è lavoro di pittore, in cui si apprezza soprattutto la fiera e sicura bellezza del segno a carboncino, leggermente sporcato di vernici trasparenti brune, consueta nel suo lavoro recente. Lorenzo, insomma, non si limita a un lavoro di copia, ma risemantizza il soggetto, lo restituisce in uno stile dal tratteggio nervoso e sintetico. Manenti ha scelto la strada della traduzione plastica del soggetto, insistendo soprattutto sull’impatto emotivo dell’immagine, complici le dimensioni considerevoli di buona parte dei suoi lavori. Nelle sue opere, infatti, molti oggetti si trovano ad essere notevolmente aumentati di scala rispetto agli originali, accrescendone senza dubbio l’effetto drammatico. Ma anche su formati più contenuti, come nel composito Iraq perduto, la forza espressiva dell’immagine non ne è diminuita, anzi conserva una intrinseca monumentalità.
Un giorno, probabilmente, i piccoli dipinti non saranno più tutti insieme, prenderanno ciascuno la sua via, verso il collezionismo o verso altre destinazioni (e alcuni sono già per altre strade). Anche da soli, però, abbandonati gli altri frammenti del gruppo, continueranno a ripetere il loro inesorabile memento: per la memoria dello scempio e, forse, per la formazione di una nuova coscienza.

Luca Pietro Nicoletti

 

Tag: ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: