Enrico Cattaneo, fotografo a Milano. All’Ostrakon dal 18 giugno 2010

Enrico Cattaneo, Gianfranco Ferroni, 1959-1962, cm 30x40

COMUNICATO STAMPA

La Galleria Ostrakon, attenta a un’idea di arte come coinvolgimento, rende omaggio al grande fotografo milanese Enrico Cattaneo (Milano, 1933) con una carrellata di immagini – marcatamente espressionistiche – raffiguranti il volto meneghino negli anni del boom economico e tutte presaghe di un incombente sfacelo identitario. Circa una cinquantina di opere (formato 30×40), uniche nella loro esecuzione e potenza espressiva, stampate personalmente dallo stesso fotografo.

18 Giugno – 17 Luglio 2010
ENRICO CATTANEO: MILANO, LE NUDE COSE
a cura di Piero Del Giudice

Inaugurazione venerdì 18 Giugno ore 19.00

“Milano, fine anni Cinquanta-primi anni Sessanta. Le fotografie di Enrico Cattaneo ci parlano di un luogo, di una piana urbanizzata, di casermoni inanimati, di un orizzonte edificato con segni remoti di una comunità laboriosa (sullo sfondo la locomativa a carbone sulle Varesine, le ciminiere alte e mute all’orizzonte), e ci raccontano lo spaesamento di queste terre di nessuno, l’estraneità globale di quei luoghi, la loro alienazione.
Sono i panorami della città che muta, smottamenti e invasi, rovine e resti, cascine in abbandono e grattacieli, profili di fabbriche nel grigiore, nella nebbia leggera di orizzonti inesorabilmente padani. Nessuna frenesia progressista percorre queste immagini, nessuna eccitazione collettiva per la città che sale, non cavalli possenti che trainano massi, ma carretto e cavallo malinconici e residuali, non folle che attraversano la città a sciami secondo le cadenze dei turni alle linee della fabbrica – della apertura e chiusura degli uffici – ma rari passanti che tagliano – incappottati e in fretta – la scena della mutazione e del disastro, o immobili, inscritti nella damnatio incertae sedis.

Cattaneo, il documentarista di ciò che è a margine, dello spaesamento e del conflitto sociale. Colui che molti anni prima dei fotografi parvenus della scena urbana capisce e rappresenta la solitudine della fabbrica, il carattere segregato, concentrazionario, extrareale, sironiana metafisica minaccia, dei luoghi del lavoro. Il fotografo che primo mette in scena i quartieri periferici della manutenzione e del ricambio dei collettivi della forza lavoro, che coglie nella consapevolezza di essere protagonisti, i pittori che fondano una pittura metropolitana, una scuola di Milano…” [dalla presentazione di Piero Del Giudice]

Biografia
Enrico Cattaneo è nato a Milano nel 1933. Studia in una facoltà scientifica e si occupa di fotografia amatoriale dal 1955; predilige in quegli anni il reportage e il racconto sociale. Fotografo professionista dal 1963, si dedica quasi esclusivamente alla riproduzione di opere d’arte lavorando per pittori, scultori, architetti, galleristi ed editori d’arte contemporanea. Le sue fotografie illustrano numerosissime monografie e cataloghi per artisti di tutto il mondo. Ha allestito oltre sessanta personali con importanti partecipazioni collettive in Italia e all’estero. Vive e lavora a Milano.

GALLERIA OSTRAKON
Via Pastrengo 15, 20159 Milano
dorino.iemmi@fastwebnet.it
Tel. 3312565640
Orari: da Martedì a Sabato ore 15.30-19.30

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: