La festa del Gruppo 93 del 13 e del 20 giugno 2011 a Milano.

L'antologia del Gruppo 93 a cura di Angelo Petrella, Zona Editrice 2010

Festa del Novantatrè in due movimenti. 13 e 20 giugno 2011, lunedì ore 21.00. Libreria Popolare di via Tadino 18, Milano.

A più di venti anni di distanza da quel Milanopoesia 1989 in cui nacque il Gruppo 93, organizzare questa Festa del Novantatrè con Paolo Gentiluomo, per me è stato motivo di grande emozione. Tutti questi anni non sono andati nella direzione che credo noi tutti auspicavamo: certo, vi sono state e continuano a nascere iniziative che coltivano quell’attenzione critica per la lingua poetica su cui noi avevamo insistito, ma nell’insieme la poesia oggi è ancor più sganciata, se possibile, da una più generale pratica della cultura come smontaggio, demistificazione, irrisione e ricostruzione di un universo simbolico da condividere, magari sullo sfondo utopico di una umanità più ricca e più piena. Resta certamente una tradizione di ciò che ancora oggi si preferisce chiamare ‘poesia di ricerca’ ma tale orientamento resta largamente minoritario. E ciò a prescindere dalla necessità di pretendere anche i risultati, oltre la ricerca, anche la soluzione estetica oltre il problema. A prescindere, cioè, dal rifiutare ogni accademismo di ciò che nel Novecento si definiva avanguardia intendendo con questa parola mille cose diverse. L’idea che prevale della poesia è ancora l’usurata ideuzza mille volte rimasticata di matrice romantica e crepuscolare, quell‘ideuzza che è giunta alla parodia di se stessa attraverso poeti di scarso talento che si sono affollati dalla metà degli anni Settanta fino a brulicare tra i bit della Rete oggi. Si tratta, in fondo, ancora dell’illusorio risarcimento simbolico per le frustrazioni di una irriconoscibile piccola borghesia che oggi precipita verso un cieco precariato che impone la virtualità di ogni soddisfazione.E tale peggiorata condizione sociale invece di spingere alla corrosione dei miti che il liberismo diffonde a proposito di epopee individuali, viene occultata per lo più anche attraverso il chiacchiericcio versificatorio teso a nobilitare proprio la miseria dei destini per nulla singolari.

La moltiplicazione orizzontale dei poeti favorita dalla Rete non ha aiutato in tal senso: non è aumentata in egual modo la consapevolezza critica del fare poesia e, in genere, del fare cultura. E ciò in un Paese in gravissimo declino di civiltà che si è andato approfondendo e incupendo nel corso del passato ventennio. Per una infelice coincidenza gli anni che ci separano dall’inizio dell’avventura del Gruppo 93 sono esattamente gli anni di questo italico declino.Rivedere dopo tanti anni i miei sodali genovesi mi fa ripensare a cosa vuol dire un sodalizio letterario: il superamento dell’egotismo inevitabile presso chi fa arte, l’allargamento della visione propria fino a poter comprendere l’altrui, la ricerca verso ciò che accomuna piuttosto che la fissazione polemica su ciò che divide. Ma un sodalizio è anche la rinuncia a quella caratteristica idiosincratica di cui scriveva Robert Musil a proposito del poeta e del suo tipo di conoscenza. Tale rinuncia non può durare a lungo: ecco perché la durata del gruppo è stata contraddistinta da brevità e intensità. Ma fino a quando è stata forte la tensione a partecipare ad una piccola realtà sovra individuale non sono mancate una certa ebbrezza e la speranza che, unendo gli sforzi in una riflessione comune, si potesse prepararei il terreno per una migliore mietitura per tutti. Credo che il Gruppo 93 sia stato come un’accelerazione prodigiosa per la mia formazione e di ciò sono grato a tutti coloro che hanno dato vita, a diverso livello e con ruoli diversi a questa bella esperienza.

Biagio Cepollaro

Tag: , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: